Come fare del fotoreportage un percorso formativo

0
85

Nasce a cavallo tra il 2019 e 2020 dall’idea di Girolamo Monteleone, un esperto di fotoreportage a Roma (visita il sito www.girolamomonteleone.com), un percorso fotografico formativo incentrato sul fotoreportage emozionale.

GMASTERMIND, questo è il nome che la coppia di fotografi ha dato al corso che, partito a ridosso del lockdown di aprile 2020, ha ricevuto un consenso travolgente tra i giovani e meno giovani di tutta Italia. Dopo 2 anni, arrivati alla sesta edizione, quasi 1000 aspiranti fotografi hanno partecipato al corso che si tiene in parte online e in parte outdoor.

Come ha avuto origine il corso e quali sono i principi su cui si basa?

Il lockdown di aprile 2020 ha costretto molti a casa ma allo stesso tempo ha fornito le condizioni ideali per pianificare un percorso fotografico che aiutasse fotografi e amatori della fotografia a conoscere il mondo della fotografia emozionale che punta soprattutto alla scoperta e allo studio delle emozioni positive, alla creatività e alla forza della collaborazione.

Da qui la decisione di unire e condividere ciò che è stato imparato sul fotoreportage e la fotografia emozionale, come un unico pensiero collettivo, perché nessun individuo ha tutta l’esperienza, l’educazione, le capacità e le conoscenze sufficienti per avere successo senza la collaborazione degli altri.

Quanto dura il percorso e cosa dicono i partecipanti?

Il percorso completo dura in tutto 4 mesi. Tempo in cui ai partecipanti vengono fornite nozioni base sulla tecnica fotografica, sulla composizione della fotografia, cenni di storia e fotografi che hanno influito sulla fotografia di reportage. Ma il cuore del corso sono le esercitazioni pratiche e gli scambi di opinioni, riflessioni, domande e approfondimenti sulla fotografia emozionale.

Per fotografare le emozioni occorre scoprire cosa c’è oltre alla tecnica al fine di saper fotografare in modo consapevole raggiungendo grandi obiettivi. Ecco cosa dicono gli studenti che hanno partecipato al corso.

“È un meraviglioso viaggio dentro se stessi, ti invoglia a crescere, e ti dà il coraggio e la sicurezza nel parlare di te e delle tue emozioni”. “È un esperienza straordinaria che apre la mente, crea una connessione con se stessi e gli altri!”.

E ancora “Ti insegna ad avere il giusto equilibrio tra teoria e lavoro su se stessi, tra tecnica e libera espressione. Ti spinge a conoscere più te stesso e ti porta in un mondo, quello della fotografia, che potresti aver sottovalutato. L’avere un tema settimanale e delle foto da inviare ti aiuta a non trascurare l’impegno preso”. “In lezioni semplici e chiare riesce a porre buone basi, Incoraggia ad avere più fiducia in sé stessi e credere in quello che si fa! Utile per chi non riesce a esprimere sempre a parole quello che prova e può farlo attraverso la fotografia, ti porta a superare step by step i tuoi limiti”.

Che preparazione hanno i fotografi?

Girolamo Monteleone insieme a sua moglie Barbara si sono dedicati dal 2004 allo studio del fotoreportage. L’amore per questo genere fotografico è nato quando erano alla ricerca del fotografo del loro matrimonio.  All’epoca non erano fotografi ed erano molto confusi su come scegliere il giusto fotografo. È stato allora che hanno scoperto e sperimentato lo stile sobrio, naturale e spontaneo del fotoreportage di matrimonio che li ha subito conquistati a tal punto da farne la carriera della loro vita.

Dopo la loro esperienza personale si sono quindi, sentiti spinti ad approfondire lo studio della fotografia e del reportage. Da allora Girolamo e Barbara abbiamo raccontato tante storie di coppie di tutto il mondo, dall’Italia all’America, dalla Cina al Sud Africa. La condivisione del loro viaggio è iniziata con GMASTERMIND ed è ancora in corso sul web ed in giro per il mondo.